Sanificazione Cantine

[av_heading heading=’La sanificazione delle cantine vinicole’ tag=’h2′ style=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ padding=’10’ color=” custom_font=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”][/av_heading]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

Mancano ormai pochi mesi a settembre, il mese della vendemmia: proprio per questo motivo tutte le cantine vinicole dovrebbero, in questi mesi, programmare un accurato intervento di sanificazione delle proprie strutture e dei macchinari.

[/av_textblock]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

Come tutti i settori dell’industria alimentare, anche quello del vino è soggetto ai princìpi del sistema HACCP e, di conseguenza, anche all’obbligo della sanificazione annuale, fondamentale per evitare la proliferazione microbica all’interno dell’ambiente cantina: l’eliminazione dei microorganismi che proliferano durante tutta la fase di lavorazione del vino, infatti, possono comprometterne le qualità organolettiche.

[/av_textblock]

[av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’IL REGOLAMENTO CE 852/2002′ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

L’igiene all’interno delle cantine vinicole viene regolamentata dal Regolamento CE 852/2002, all’interno del quale sono indicati tutti i requisiti specifici dei locali destinati all’industria degli alimenti, comprese le specifiche di progettazione degli ambienti e la successiva manutenzione. La scelta corretta dei materiali da costruzione, inoltre, è fondamentale per l’attività di sanificazione degli ambienti di lavoro: per questo motivo ogni operatore deve individuare anche le pratiche più adeguate di pulizia ed igienizzazione, valutando la tipologia dei detergenti, le modalità di applicazione o le temperature dei trattamenti.

[/av_textblock]

[av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’LE OPERAZIONI E LE MODALITÀ PER LA SANIFICAZIONE’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

Ogni cantina vinicola deve rispettare specifiche procedure, quali:

  1. L’individuazione del personale preposto alle operazioni di sanificazione

  2. Le modalità e le tempistiche di esecuzione degli interventi di igienizzazione

  3. L’elenco delle differenti tipologie di indagini effettuate

  4. Gli interventi di sanificazione successive a riparazioni o sostituzione di macchinari

Nello specifico, all’interno delle cantine vinicole è obbligatorio provvedere alla rimozione manuale dei residui di lavorazione alla fine di ogni processo lavorativo, seguita da un’attenta detersione, effettuata con detergenti adeguati e spazzole. Ultima fase della pulizia è la disinfezione, necessaria per l’eliminazione della carica microbica che potrebbe danneggiare la qualità del vino.

[/av_textblock]

[av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’I PUNTI DI INTERVENTO’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

Il vino all’interno della cantina può subire alterazioni dovute alla proliferazione di lieviti: per questo motivo è indispensabile intervenire su tutte le fasi e su tutti i punti dell’area da trattare come le attrezzature, le pozze di mosto che si creano durante l’ammostamento, i pavimenti, le pareti e le canaline di scarico, dove l’umidità favorisce la formazione dei microorganismi, le tubazioni, i rubinetti, i filtri e l’impianto di imbottigliamento.

[/av_textblock]

[av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’IGIENIZZAZIONE DELLE BOTTI’ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”][/av_heading]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

La sanificazione delle botti in legno è un processo fondamentale, in quanto la superficie interna delle stesse è molto porosa ed irregolare e, di conseguenza, difficile da pulire, essendo anche la causa di contaminazioni non solo microbiche, ma anche tra vini di differenti annate. Attualmente i migliori trattamenti di igienizzazione per le botti di legno vengono effettuati tramite il vapore o l’ozono, metodologie queste in grado di eliminare dal 70 al 90 per cento dei lieviti presenti.

Sei titolare di un’azienda agricola o di una cantina vinicola e devi effettuare la sanificazione della tua attività? Chiama Biodisinfest per richiedere un sopralluogo gratuito: i nostri tecnici sapranno svolgere tutte le procedure di igienizzazione necessarie per farti trovare pronto quando, in autunno, il lavoro sarà più frenetico ed impegnativo!

[/av_textblock]

[av_hr class=’default’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′ av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=”]

[av_social_share title=’Condividi questo articolo’ style=” buttons=” share_facebook=” share_twitter=” share_pinterest=” share_gplus=” share_reddit=” share_linkedin=” share_tumblr=” share_vk=” share_mail=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=”][/av_social_share]

Like this article?

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest

Leave a comment